FOTOGRAFO RITRATTISTA fullscreen

PRINCIPALI SCHEMI DI LUCE PER IL FOTOGRAFO RITRATTISTA

IL FOTOGRAFO RITRATTISTA E LA LUCE

Un buon fotografo ritrattista deve saper vedere ed utilizzare la luce, dosandola, modellandola e posizionandola con attenzione, al fine di ritrarre al meglio i suoi soggetti. Ogni viso racconta una storia e questa storia è celata fra i contorni, le rughe, le espressioni che rendono unica ciascuna persona. Spetta al fotografo ritrattista capire come dipingere e scolpire la storia dei suoi soggetti; le sue fotografie sono quadri dipinti con la luce. In questo tutorial di Fotografia prenderemo in esame i 5 schemi di luce più utilizzati nel ritratto fotografico, con la gentile collaborazione di Eva (la mia assistente in Studio) ;-)

DIAMO UN NOME AD OGNI LUCE

Uno schema di illuminazione può essere impostato con una sola luce oppure con più punti luce. A seconda della loro funzione, le luci possono distinguersi come segue.

LUCE PRINCIPALE (Main Light): come dice il nome, è la luce prioritaria, quella che ha il compito di evidenziare il soggetto. Detta anche LUCE CHIAVE, in genere è quella che sul set viene impostata con la maggior potenza, al fine di sovrastare le altre luci e di evitare doppie ombre.

LUCE DI SCHIARITA (Fill-in): il suo ruolo è quello di schiarire le ombre generate dalla luce principale, in modo tale da renderle meno drammatiche. Può essere creata utilizzando una secondo flash, oppure ricorrendo ad un pannello riflettente che, posizionato in maniera adeguata, sia in grado di riflettere appunto parte della luce principale, rimandandola indietro sul soggetto.

LUCE D’EFFETTO (Kick Light): come dice il nome, serve a creare un effetto scenico sul soggetto. Spesso è posizionata in zone piuttosto angolate, per creare sottili corridoi di luce che illuminano i profili del corpo (luce di taglio). Può essere anche utilizzata per dirigere l’attenzione dell’osservatore su un particolare del vestito o della scena inquadrata.

LUCE PER I CAPELLI (Hair Light): è una variante della luce d’effetto; il suo compito è quello di esaltare i volumi delle acconciature, oppure di permettere una miglior leggibilità della capigliatura nell’immagine finale.

LUCE DI SFONDO (Back Light): viene impiegata per illuminare lo sfondo, fondamentale se si hanno soggetti scuri su sfondi scuri.

Infine si può parlare anche di:

LUCE LARGA: è la luce che illumina la guancia prossimale del soggetto. Tende ad allargare il viso e, per questo, può essere utilizzata con soggetti molto magri oppure per dare maggior rotondità a visi allungati e/o troppo ovali.

LUCE STRETTA: va ad illuminare la guancia distale del soggetto. Ottima per sfinare un volto paffuto.

5 SCHEMI BASE PER IL FOTOGRAFO DI RITRATTO

Per questo tutorial, la luce principale è stata utilizzata senza alcuna luce di schiarita, per mostrare in maniera più marcata dove cadono le ombre sul volto della modella. E’ però stata aggiunta una luce d’effetto, che ha separato la modella dallo sfondo scuro.

1) LUCE FRONTALE

La luce principale si posiziona di fronte al soggetto e leggermente in alto. In questo modo si ottiene un rapporto di illuminazione pari a 1:1, ovvero su entrambi i lati del volto cade la stessa quantità di luce. Questo permette di appiattire eventuali imperfezioni della pelle, di schiarire le rughe e le orbite, ringiovanendo anche un viso di mezza età. Il rovescio della medaglia è che si tratta di uno schema di luce piuttosto piatto, la volumetria del volto viene annullata e, soprattutto con soggetti paffuti, si rischia di allargare ulteriormente il viso. Con soggetti femminili, aventi zigomi piuttosto alti e occhi non troppo infossati, si può alzare la luce ed inclinarla verso il basso. Si ottiene così uno schema di illuminazione detto “LUCE A FARFALLA” (Butterfly Light), riconoscibile per la caratteristica ombra che si crea sotto al naso e che richiama la sagoma di una piccola farfalla con le ali spiegate. Se utilizzata con un rapporto di illuminazione basso, questo schema conferisce un aspetto molto naturale e piacevole al soggetto.Questo schema è stato per parecchi anni impiegato anche dall’industria cinematografica, per questo viene anche definito LUCE CINEMATOGRAFICALUCE HOLLYWOODIANA.

 

 

 

 

LUCE LOOP

2) LUCE LOOP

La luce principale viene spostata lateralmente (a circa 45°) rispetto al soggetto e viene abbassata. Si forma così una piccola ansa (“loop“) in ombra sul lato del naso non illuminato direttamente. E’ uno degli schemi di luce più ricorrenti, ideale per ritrarre p

ersone con un volto regolare ed un buon ovale. I volumi del viso acquistano così maggior interesse, pur senza essere esasperati. Ottima sia per soggetti femminili, sia per soggetti maschili.

 

 

 

 

 

 

LUCE REMBRANDT

3) LUCE REMBRANDT

Prende il nome dal pittore di origini Olandesi Rembrandt Harmenszoon van Rijn che soleva ritrarre i suoi soggetti secondo questo schema di luce. Nello schema Rembrandt la luce principale è posta in posizione arretrata ed angolata rispetto al soggetto, in modo tale che si formi una caratteristica sagoma a triangolo rovesciato sulla guancia distale alla luce. E’ uno schema di illuminazione che conferisce un aspetto più intenso e drammatico al soggetto e, per questo, va impiegata con consapevolezza e cautela nel ritrarre soggetti femminili. Bellissima per soggetti maschili e per sfinare volti troppo larghi. Adatta a situazioni dal forte carico emozionale, è una luce d’atmosfera che tende ad evidenziare i lineamenti e le imperfezioni del viso. Ottima nelle interpretazioni intimistiche e nel low key.

 

 

 

 

 

LUCE BIPARTITA

4) LUCE BIPARTITA

In questo schema di illuminazione, la luce principale colpisce solo metà del volto. E’ una luce piuttosto drammatica che adduce un’aurea di mistero e profondità al soggetto ritratto. Può essere impiegata per sfinare un naso largo od un viso paffuto. L’ausilio di una luce di schiarita può essere necessario per nascondere eventuali irregolarità del volto.

 

 

 

 

 

 

 

LUCE DI PROFILO

5) LUCE DI PROFILO

E’ uno schema di luce che si crea facendo girare la testa al soggetto di circa 90° rispetto all’obiettivo della macchina fotografica e posizionando la luce principale di spalle, lateralmente al soggetto. Luce molto teatrale, scenica, trova il suo miglior impiego nell’evidenziare volti dai lineamenti eleganti . Per effetti meno drammatici, si può ricorrere ad una schiarita frontale, al fine di ridare leggibilità al viso.

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi approfondire l’argomento o imparare ad utilizzare al meglio la tua attrezzatura fotografica? Segui i nostri corsi/workshops didattici oppure richiedi un personal tutor.

1 Comment

  1. Diego
    28 giugno 2014 at 10:25 · Reply

    Interessantissimo, grazie mille !!

Leave a Comment